Da sempre la “busta gialla” accompagna comunicazioni importanti: già nell’immaginario collettivo contiene qualcosa che non si può ignorare. Dunque sulla scorta della “Lettera ad un estorsore” di Libero Grassi, sono stati elaborati Tre documenti editoriali che riprendono i temi della campagna, trasformati anche in formato digitale. Una prima “busta” sarà inviata ai rappresentanti istituzionali; una seconda pubblicazione, contenente riflessioni e sollecitazioni, sarà spedita ai direttori di banche e ai cofidi. Infine la terza contenente dati, analisi e strategie, sarà invece consegnata direttamente alle persone coinvolte durante il ciclo di iniziative intraprese durante la campagna. Tutti questi soggetti, a loro volta, potranno spedirla ad altri destinatari, contribuendo a diffondere valori e consapevolezza sugli argomenti trattati. L’obiettivo è quello innanzitutto di richiamare ognuno di noi alla propria imprescindibile funzione sociale.